Archivi

Dedicata.

Il mare mi ha dato naufragare di spazi e memorie, rigurgiti nel cuore che sale alla gola – ho chiesto all’Isonzo di levigare il mio letto, ogni volta ogni sorso d’uomo è origami nel ventre che s’asciuga. il fiume mi ha fatta, il fiume mi ha presa ho imparato ad esser di terra – creatura […]

Continua a leggere

Il gioco del silenzio

Ho chiesto al bianco il gioco del silenzio, mi ha risposto catene di buio inchiodate al respiro – affogare da svegli dopo un sogno diffuso, non ricordavo che perdere spremesse il cuore a nidi d’inchiostro. [GRS]

Continua a leggere

Saliscendi

È un corpo a corpo di lontananze estese fra un mare e un altro – un addio di porcellana, talea di due che vengono e vanno scalza sono salita – non lampeggiano le fermate in questo tram a sedili svuotati. [GRS]

Continua a leggere

Passi

E i passi che abbiamo contato quando il silenzio era lo spazio – o l’anarchia – fra due distanze, i passi che ricordo avevano il tempo di un altro Chopin. E il mio vizio d’essere in anticipo cresceva con te d’Amore lucciole in Inverno. [GRS]

Continua a leggere

Imprescindibile

Vorrei.

Oggi che c’eri era la pace. Era il flusso sereno di istanti che portano l’infinito racchiuso in ogni dettaglio; ridendo penserò ad ogni caffè che si fredda e alla strada che scorre, al nero metallico e al bianco che avanza e sorride e non cambia. Conteranno i giorni nel mutar delle cose, e nel colore […]

Continua a leggere

Tasche

Strame nelle tasche sopra tesori santi e dei, ore di non-esistenza nelle promesse a chi amava d’ingenuità. Bambina svanisci! – fra fumo e fantasmi, rileggo pagine di consunta religione e rimetto al cielo i suoi lumi sotto castelli di vetri incrinati, opachi paesaggi di scale al tramonto. Mani germogliano in quelle tasche bucate da tarme – Dita […]

Continua a leggere

Linee vuote

Linee vuote, rotondi spigoli in spazi privati dove ogni voce resta muta e il sapore dell’attesa si protrae infinito, scandito da lancette immobili che contano i giorni come lacrime su un vetro appannato. Scuri campi incolti popolano la mia mente – dove tentai con mani d’azzurro di costruire dipinti e castelli, oggi piogge d’ossessioni e […]

Continua a leggere

Secondi Sciolti

Sei nell’antro tetro e sporco di ogni respiro chiuso, nel viaggiare senza meta di corpi socchiusi alla luce dei lampioni, rossi di artefatta pace privi di sereno orgoglio nel contare sordo dei secondi che sciolti si perdono oltre le mura del suono. Atroce il silenzio contro armonie di festa, sfumano le speranze mentre gli occhi […]

Continua a leggere

Dissonanze

Dissonanze – senza senso parole su schermi piatti, lontano dal coraggio degli occhi che vivono voci inasprite dal vento. Voglio sentire quel dolore una volta ancora, sapere che davvero sarebbe bastato un soffio e quell’ultimo petalo sarebbe rimasto. Basterebbe quel vento se in direzione contraria soffiasse. Basterebbe. Diceva qualcuno diceva qualcosa, ma solo la tua […]

Continua a leggere

Inquietudine

Ciocche di capelli, d’altre nascoste nudità. Nell’inquietudine sibilano violini, di teatri architravi pizzicate in visioni di domani – dove sei altrove, e nell’apparire ricordi passione. Rubarti un bacio per disperdermi in sogni che sono l’incubo perenne di silenziose orchestre. Concerto in ombre minori, pianoforte solo.   GRS

Continua a leggere