Archivi

Rosso Riserva

Queste mie parole sono tutte le rondini che avanzano, quelle che ho tenuto nel cassetto conservate come si conserva un rosso d’annata, con la cura del tramonto che sa dove posar la luce – e questo mio volo è il raggio mancante all’equinozio, mi hai detto strano trovarti ancora in un abbraccio hai ragione e […]

Continua a leggere

Foglia

Oggi (come ieri) guardo il cielo, penso che in fondo sono foglia lasciata sul sentiero – uguale colore e la stessa spoglia nostalgia delle nuvole. [GRS]

Continua a leggere

Resilienza

Oggi ho pregato l’acqua di ricordare. A volte i giorni (quelli cerchiati a penna) sanno lasciare alla sera l’impressione di un profumo che resta – uno stare per ogni tua partenza, un rimanere per ogni mia resilienza e quando dici “Perché continui a credere in me?” segno nel ventre misure a barometro interrotto. [GRS]

Continua a leggere

Calendario

17. Domani 18. Sai, il mio calendario è sulle gambe, nelle mani tagliate dai silenzi dove i giorni sono piccoli indiani stanchi appesi al soffitto delle tue geografie – segno sulla schiena l’andare venire       tornare              partire non ho nostalgia di una parola mancata, ma di quel restare lieve che fa di due lo […]

Continua a leggere

Materia

Ho raccolto la terra che sono, l’ho inscatolata, pressata in cartoni umidi di fondi – dal mio lato della notte vedo la scadenza dei lampioni, consumati a regger l’azzurro anche quando si fa nero. Così oggi ancora so di esser materia pesante – come la poiana è per il volo, io sono di gravità radice […]

Continua a leggere

Burja

A sorsi godo delle nuvole – ti ho nel vento d’increspatura sottile, non mi fido delle spalle quando (a sostare dopo gli atti) denudano tracce e rigurgitano sale, ma qui la schiena storta è la mia che si scioglie di notte mentre bora ride alla finestra nel breviario del bianco. Ad ascoltare quel corpo avresti […]

Continua a leggere

Bare.

Cammino scalza dove altri hanno ormeggiato – mi hai detto che ruvida è la pianta, non si può danzare da spenti ma la terra non chiede morbidezze quando il viaggio è nella gola e arrivare è solo un punto a pennarello su orizzonti mobili. Noi che eravamo di nuvola ieri, contiamo la sabbia come i […]

Continua a leggere

Danze di Notte

Ho chiesto alla notte dove sia nascosto il tuo nome, le mani d’ombra di un ramo alla messa d’inverno raccontano gli spazi fra volo e caduta – sola, la voce a sillabare silenzi in quest’urna di piume… io (che del nido ho la dimensione del buio) come posso sapere il più bianco canto d’allodola? E […]

Continua a leggere

timelapse

Quella bambina soprammobile – oggi ti ho sentita dentro all’andare dell’alba, nel giocare del sonno che va verso il giorno ho dato al vuoto le spalle e il tuo canto bianco ha chiamato la veglia. Forma di cera, ho ricordato le dita miagolare al buio per chiedere una stella – questa torre di sassi è […]

Continua a leggere

Sul comodino a sinistra

Un pezzo di cuore ho lasciato sul comodino a sinistra – l’unico, coperto di giorni. L’ho cercato al mattino – avevo in tasca le mani fredde del vento, ha riso la notte trovandomi china ai suoi angoli. Ho chiesto a uno spigolo d’alba di farsi Sole, mi ha dato variabili e mappature celesti, direzioni alla […]

Continua a leggere