Archivi

私だけがいない街

Questa città da cui me ne sono andata ha alberi di vetro, foglie a sonagli nel vento – le collezionavo, macerando la conta dei tagli o le conchiglie in un secchiello. Ho preso la strada direzione azzurro – ho aperto le finestre di ogni grattacielo, messo la bandiera alla conquista a fare di me una […]

Continua a leggere

Il dilemma della zebra.

Il mio armadio non ha ante, le ho staccate per vedere le mille e una sera che non vestirò mai. Guardo che belli l’abito bianco a ghirigori neri la camicia nera e i ghirigori bianchi e penso che ho il dilemma della zebra – esser tela o farmi china? [GRS]

Continua a leggere

Cocoon.

Avevo una scatola, colma di ogni taglio e farfalla – ogni piuma ed ematoma ho voluto riporvi, l’ho sepolta viva sotto l’azzurro che resta. Ma la memoria delle nuvole non sa fermarsi, ha scoperchiato il cielo come la marea riporta il fango – forse il gioco è nell’attesa di una breccia: esumare un involucro, trovarlo […]

Continua a leggere

Clover

Conservo di noi due tappi e una spiga di grano. Ho riposto tutto in una scatola di latta, con la cura bambina del nascondere quadrifogli – ma poi un addio è come diventar grandi, si secca il verde e ti dimentichi la leggerezza d’inventarsi la fortuna. [GRS]

Continua a leggere

Insonnia

Ho passeggeri consueti nella testa, chittering chattering di passaggi consumati – i passi di un cieco sulla soglia di casa, la posta che si eleva ogni volta un tanto oltre la veglia. Forse parlo al coniglio nel calice quando imploro la natura delle nuvole, ma non c’è sonno a ripristinare l’azzurro e anche stanotte non […]

Continua a leggere

Marabitudine

Sei marea e ti ritrovo – nell’abitudine dell’onda di andare e tornare, lasci conchiglie a queste mani imbastite dai venti. Ne farò ghirlanda incisa sul seno, a ricordarmi che la mia invidia è per le nuvole – d’altronde sai, è ancora qui l’azzurro che conta: il tuo mare che sale, il mio cielo che resta. […]

Continua a leggere

Album

Volevo scrivere di noi ma lo so, da settembre ad oggi (e da prima ancora) noi manca dal vocabolario – sono rimasta solo io. Alla fine è quello che succede, di tante parole spogliate dal corpo rimangono bozze infinite – un po’ come da piccoli quando facevamo gli album panini ma io non ne ho […]

Continua a leggere

Di falene e farfalle

Oggi ho messo il sole in un vasetto – piccolo, grande un grappolo di cielo – l’ho stretto nel pugno come la poiana con il topo, a occhi chiusi ho ingoiato (acino per acino) il tuo regalo di pezze e dissensi sai, posso credermi falena a masticar la notte, ma di alba in alba il […]

Continua a leggere

La foglia al centro

Alla poesia mi aggrappo, oggi che le mani hanno un tremito lungo l’attesa – mi vedo in quell’ultima foglia legata alla terra nei turbinii secchi di settembre, quando tutto è movimento e si perde il senso del corpo. Eccomi – se la scelta è un dover danzare, questo peso sarà l’angolo fra la fine del […]

Continua a leggere

Scatola di energie.

Abbiamo un taglio, io e te – va dai muscoli del cuore al bassoventre, stringe la testa e la lascia in transito sul gioco del tempo che scarica i passi. Mi ricordo addormentarsi sapendo che il resto sarebbe andato avanti – lo ricordo ma ho dimenticato, ho lasciato la sutura alle nuvole come te oggi […]

Continua a leggere