Archivi

Taglio Poetico, secondo capitolo.

Domenica 8 aprile, ore 20.30, il secondo incontro di poesia in Enoteca a Cormons – questa volta con le voci di Cristina Micelli e Roberto Marino Masini, e con i quilts di Jill Butterfield a colorare il bianco. In questi giorni stiamo scoprendo e riscoprendo attimi di lettura e scrittura nel nostro angolo di Collio: […]

Continua a leggere

雨残

Rientrando, pioggia rimanente. In basso a sinistra, sotto il finestrino a macchina ferma una rana sbatte la schiena su un cerchio d’asfalto – quasi i pesci a bassa marea. È un po’ come quando io (o io e le mie birre) devo dire qualcosa – poi come sempre non so dirti proprio niente. [GRS]

Continua a leggere

How far is too far?

Un righello e un indelebile Stabilo, sulla mappa piegata ripiegata stropicciata tratteggio le rotaie dei saluti. Il mio punto cardinale è questo stare che si allontana – prima che finisca il colore o lo spazio geografico, quanto lontano è troppo lontano? [GRS]

Continua a leggere

Il dilemma della zebra.

Il mio armadio non ha ante, le ho staccate per vedere le mille e una sera che non vestirò mai. Guardo che belli l’abito bianco a ghirigori neri la camicia nera e i ghirigori bianchi e penso che ho il dilemma della zebra – esser tela o farmi china? [GRS]

Continua a leggere

Primavera a Manovella

Un’amica mi disse, tempo addietro, che bisogna andare oltre i pregiudizi del tipo “la poesia è difficile”, liberarne la naturale giocosità per avvicinarla alle persone. La persona in questione è Chiara DORIGO, una delle super componenti del progetto POESIE A MANOVELLA, assieme a Sara FRANCOVIG e Stefania PITTIONI. Sono felicissima di poter dire che le […]

Continua a leggere

Di tagli poetici e altre occasioni

Chi mi conosce (bene) sa che quando parlo entusiasticamente di qualcosa, regolarmente mi metto a piangere. Intendiamoci, non scoppio in lacrime, ma di lacrime mi si vela lo sguardo. A 31 anni devo ancora inquadrare se si tratti di un problema imbarazzante o di un tratto evidente del mio coinvolgimento sincero nelle cose. Comunque. Se […]

Continua a leggere

Cocoon.

Avevo una scatola, colma di ogni taglio e farfalla – ogni piuma ed ematoma ho voluto riporvi, l’ho sepolta viva sotto l’azzurro che resta. Ma la memoria delle nuvole non sa fermarsi, ha scoperchiato il cielo come la marea riporta il fango – forse il gioco è nell’attesa di una breccia: esumare un involucro, trovarlo […]

Continua a leggere

Clover

Conservo di noi due tappi e una spiga di grano. Ho riposto tutto in una scatola di latta, con la cura bambina del nascondere quadrifogli – ma poi un addio è come diventar grandi, si secca il verde e ti dimentichi la leggerezza d’inventarsi la fortuna. [GRS]

Continua a leggere

Alessio

Stamattina in auto mi hai chiesto la natura delle nuvole – ho detto, “Alessio, le nuvole a mamma piacciono tanto!” e dopo quasi nessun silenzio mi ricordi che in fondo non so niente: “Sono fatte di zucchero – zucchero filato”. [GRS] [E ha poi aggiunto: se andiamo in montagna ci restiamo appiccicati dentro!]

Continua a leggere

Smoke.

Almeno potevi lasciarmi il cielo…

Continua a leggere