World Children’s Haiku Contest

immagine-1024x929

Da qualche tempo ormai gioco a creare attimi di poesia con i bambini: fra scuole, centri estivi, eventi e festival, i laboratori poetici per l’infanzia sono diventati un appuntamento fra i miei più cari.

Nello specifico, da ottobre e fino ai primi di gennaio sto seguendo e seguirò le selezioni per il concorso internazionale di poesia haiku per bambini: il World Children’s Haiku Contest, indetto ogni due anni dalla JAL Foundation.
Sono stata coinvolta in questo bellissimo progetto dall’Associazione Culturale Kitsune di Udine che, fra i suoi tanti progetti, è stata resa responsabile della “sezione italiana” di questo concorso.
Ma esattamente di cosa stiamo parlando?

Il World Children’s Haiku Contest è un concorso di poesia haiku indirizzato ai bambini di tutto il mondo, fino ai 15 anni di età – il tema di questa edizione è ESSERI VIVENTI.
Ogni partecipante invierà un haiku nella propria lingua, corredato da un disegno o opera artistica e con allegato il modulo di adesione.
Le selezioni per ogni nazione si chiuderanno il 15 gennaio 2018, il materiale verrà poi inviato in Giappone per la selezione finale.
I testi vincitori faranno parte di un libretto antologico con i disegni più belli, verranno stampati su cartoline celebrative e verranno inoltre proiettati sui voli internazionali della Japanese AirLines.

Di seguito i link per ulteriori informazioni nel dettaglio.
Qui la pagina ufficiale della JAL Foundation (inglese).
Qui la pagina dell’Associazione Kitsune con il bando in italiano.

In questo periodo e fino alla fine del concorso sarò quindi nelle scuole per spiegare a bimbi e maestre i cosa e i come degli haiku: grazie mille alle classi che già hanno partecipato, grazie mille a chi ancora vorrà aderire.
Grazie mille a Guido Michielis dell’Associazione Kitsune e al maestro haijin Andrea Cecon per avermi coinvolta in questo progetto!

Aggiungo che il concorso è gratuito, così come i miei laboratori nelle classi: la miglior ricompensa è vedere i bambini che si ricredono sulla poesia, quando si accorgono che con le parole si può giocare e che non tutto è noioso come sui sussidiari.
Vi invitiamo a partecipare sempre più numerosi, gennaio è alle porte!

Vi lascio con alcuni haiku scritti in questi giorni da alunni di 3^ e 5^ elementare.

bianchi pupazzi –
sono fatti di neve
e una carota

il sole splende –
facciamo un cuore assieme
con le conchiglie

sera d’inverno
e la mamma mi abbraccia –
non ho più freddo

vanno alle medie
i bambini di quinta –
settembre ancora