Archivi

La foglia al centro

Alla poesia mi aggrappo, oggi che le mani hanno un tremito lungo l’attesa – mi vedo in quell’ultima foglia legata alla terra nei turbinii secchi di settembre, quando tutto è movimento e si perde il senso del corpo. Eccomi – se la scelta è un dover danzare, questo peso sarà l’angolo fra la fine del […]

Continua a leggere

Mezzenotti

Di mezzenotti mi riempio, anche oggi che ho chiesto trasparenze alle voci distratte dal gioco – delle ombre cinesi accasciate alla sera non colgo i contorni, ogni volta fra le dita come il sapore dell’ultimo pelinkovac. [GRS]

Continua a leggere

Gabbie (di sera)

Mi sono chiusa dentro la sera, acciambellata nella forma della luna a fare di un tempo un’abitudine – ho ascoltato i tulipani dirmi le strade del vento e gli incroci delle api, ma il profumo è solo bugia di luce e il cuore digerisce la solitudine se il sole si ricorda di sorgere – dove […]

Continua a leggere

No Morpheus

Ho perso il filo e la linea di un verso spogliato a mani alzate nell’angolo di un’alba in arrivo – forse diceva di te, o di me che siedo di fronte al buio a cercare un ritmo quando perfino il sonno mi rifiuta e le parole sono fragilità sospese in gola sorprese in fondo dove […]

Continua a leggere

Danze di Notte

Ho chiesto alla notte dove sia nascosto il tuo nome, le mani d’ombra di un ramo alla messa d’inverno raccontano gli spazi fra volo e caduta – sola, la voce a sillabare silenzi in quest’urna di piume… io (che del nido ho la dimensione del buio) come posso sapere il più bianco canto d’allodola? E […]

Continua a leggere

timelapse

Quella bambina soprammobile – oggi ti ho sentita dentro all’andare dell’alba, nel giocare del sonno che va verso il giorno ho dato al vuoto le spalle e il tuo canto bianco ha chiamato la veglia. Forma di cera, ho ricordato le dita miagolare al buio per chiedere una stella – questa torre di sassi è […]

Continua a leggere

I fanali passare.

Mi fermo a volte, sulla soglia dell’ombra – a guardare i fanali passare. Hanno il muso bianco della notte, forme che non ho mai imparato a differenziare – il fuoco del camino ride di me che mi appoggio al freddo prendendolo per mano… Ho dita scarne oggi, filtrano parole e parti e misure – si […]

Continua a leggere

“Di Nuvole e Lontananza”, recensione di F.Corselli

Buonasera, amici di WordPress! Stamattina una bella sorpresa mi ha dato il buongiorno: la prima recensione “ufficiale” della mia silloge Di Nuvole e Lontananza (ed Culturaglobale), scritta dal Poeta Fabrizio Corselli per Babette Brown. Di seguito un estratto, e click qui per il link con la recensione completa. Quella di Sain è una poesia tattile, che procede […]

Continua a leggere

La forza di Due

Sai, vorrei dirti che avrò la forza di due – che terrò il vento alle finestre per il tuo sonno bambino… che ti insegnerò il mare e le spigolosità del fiume, e il senso dei sassi a cadere – ma il vento ha scardinato la porta e le onde sanno coprire le spiagge più asciutte. […]

Continua a leggere

[Senza Titolo]

Perché poi sai, alla fine non è il pensarci – non è lasciare il cuore in folle o lo spazio aperto, non è quel mezzo chilometro di pioggia o il bicchiere pieno (e giù il vuoto) non è quel forse oggi, o verrà il giorno e sarà notte ancora… È chiudere gli occhi alla maniera […]

Continua a leggere