[Gin&Tonic] stream of consciusness

Mille volte
sono morta –

nel vetro di un autunno
chiaro di luci
colorato di jazz
e sapor di cannella,
quando il sole sperso dava ombra ai salici
e le tue mani ricordavano il verde,
ed io

sono morta
al tuo andare e al ronzio dell’alba,
al sangue smesso
al curvarsi del tempo
e al gelsomino che luceva
passi di piano alla finestra,
uno Chopin assopito
nell’angolo a destra del buio –

sono morta ancora
ad ogni schermo nero
ad ogni azzurro spazio,
al mietere farfalle
come di una guerra persa.
Ad ogni curva del viso
ho disegnato
ho aspettato
ho cucito misure di vento
a rattoppare tagli e umori –

Mille volte sono morta
sepolta
ai piedi dei girasoli,
nella dimensione delle onde
a spingere dentro –
sono morta ancora
al vociare fisso,
allo schema sciolto di seta
e alle ossessioni nude
dipinte di mare,
al tuo uscire dopo gli atti
al mio perdere dopo il bianco –

sono morta ancora
al termine della notte,
ho mancato il respiro
a rifiatare la strada –
e ancora ho camminato.

Mille volte
sono morta –
mille volte ancora
(prendendomi le mani)
ho riavuto vita.

[GRS]

Un pensiero riguardo “[Gin&Tonic] stream of consciusness

  1. quando torno, le poche volte, mi scuserai per questo, torno sempre in questa splendida poesia
    dove mi ritrovo e sento il cuore tutto un dolore
    che va e torna
    che muore e rivive
    grazie Gaia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...