Premio di poesia Città di Gorizia

Ringrazio di cuore la giuria del concorso di poesia Città di Gorizia, l’Associazione Nuovo Lavoro e lo staff tutto per aver voluto considerare il mio testo e attribuirmi il terzo posto.
Complimenti a tutti i poeti che hanno partecipato!

La giuria del concorso  regionale di poesia CITTA’ DI GORIZIA organizzato dall’associazione culturale “Nuovo lavoro” di Gorizia dopo un attento esame delle numerose opere pervenute ha individuato i seguenti vincitori:

Per la sezione A) poesia inedita in lingua italiana a tema libero

1° classificato:
”Sedie vuote” di Tristano Tamaro – Trieste

2° classificato:
“Un giorno diverso” di Salvatore Cutrupi – Cormons (GO)

3°classificato:
“Bozzoli” di Gaia Rossella Sain – Udine

La premiazione si terrà sabato 26 maggio 2018 alle ore 17:00 presso il Grand Hotel Entourage , Palazzo Strassoldo , Piazza S. Antonio 2 Gorizia.

Siete tutti inviatati.

Di seguito l’incipit del mio testo premiato, per ascoltarlo tutto ci vediamo alla cerimonia sabato 26 maggio: ci sarà musica, un brindisi, un attore che darà voce ai nostri testi… insomma vi aspettiamo!

“Oggi vivi qui.”
E ogni volta che vai
mi chiedo

perché le mie parole sono bruchi,

[…] […] […]

[GRS] Bozzoli

私だけがいない街

Questa città
da cui me ne sono andata
ha alberi di vetro,
foglie a sonagli nel vento –
le collezionavo,
macerando la conta dei tagli
o
le conchiglie in un secchiello.

Ho preso la strada direzione azzurro –
ho aperto le finestre
di ogni grattacielo,
messo la bandiera alla conquista
a fare di me
una meta da allunare…

Questa città
da cui me ne sono andata,
questa città
ancorata alla colpa
stipata in ogni risveglio
ereditata
e masticata –
questa città
in cui io non ci sono
è patria straniera,
quella città
da cui me ne sono andata
soltanto io.

[GRS]

Nota al titolo.
私だけがいない街, watashi dake ga inai machi – la città dove solo io non ci sono.
Liberamente ispirato a 僕だけがいない街, boku dake ga inai machi, o ERASED – manga di Kei Sanbe.

Di due, uno.

Per ricordarvi di due appuntamenti in un weekend:

  • venerdì 18 maggio, alle 20.45, per Fare Voci Gorizia:
    a leggere assieme alla bravissima Natalia Bondarenko, in Taverna al Museo, appunto a Gorizia. Con la fotografia di Giovanni Viola. E non dimenticate che c’è anche èStoria!
  • sabato 19 maggio, alle 13.00, per la Fiera dell’Oriente:
    workshop di haiku con l’Associazione Culturale Kitsune, stavolta un po’ più condensato del solito in un’oretta di scrittura e lettura. Saremo a Udine all’area fieristica in occasione di questo grande festival.

E tanto altro bolle in pentola…

Rosso Riserva

Queste mie parole
sono tutte le rondini che avanzano,
quelle che ho tenuto nel cassetto
conservate
come si conserva un rosso d’annata,
con la cura del tramonto
che sa
dove posar la luce –
e questo mio volo
è il raggio mancante all’equinozio,
mi hai detto

strano
trovarti ancora in un abbraccio

hai ragione
e poi vedi, sono ingrassata un po’

alla fine, sai –
questo abbraccio
a indossarlo
è
la mia giusta misura.

[GRS]

Di voci in voce.

Diceva la filastrocca della nonna: esplode maggio ed è beato chi per tempo ha seminato.
Quest’anno il mio maggio è un fiorire di incontri e di voci.

Aprile si è chiuso con due appuntamenti magnifici per il Far East Film Festival, dei quali già abbiamo detto: il laboratorio per bambini e il workshop haiku per adulti.
Un’emozione entrambi, ma devo ammettere di non aver mai avuto pubblico adulto migliore: per questo corso ho visto una platea gremita, attenta, curiosa, interessata e una cornice splendida come quella della Galleria Tina Modotti.
Grazie davvero a tutti, ci vediamo l’anno prossimo! ❤

zaino

E così è arrivato maggio, ed è iniziato con un doppio appuntamento poetico domenica 6: una mattinata intensa a Tolmezzo e la sera il terzo appuntamento di Taglio Poetico: ospiti le voci triestine di Sandro PECCHIARI e Fulvio SEGATO e i dipinti di Mila Mecchia.

Con Giovanni Fierro e Roberto Marino Masini siamo partiti alla volta di Tolmezzo in una poetry car che ha trasformato una strada in un percorso: ci attendevano poeti di Portogruaro (super Roby Ferrari e Gianluca Gobbato!) e artisti di Tolmezzo (grazie a tutti per la magica ospitalità!), per un momento di poesia LUNGO I BORDI (così si chiama la rassegna di amicizia e legami nella quale si inseriva il nostro reading).
Alcuni scatti dalla giornata, per i quali ringrazio Marino e la cara Elisabetta che ci ha sopportato e supportato tutto il giorno:

Questo slideshow richiede JavaScript.

E poi la sera, in Enoteca a Cormons con TAGLIO POETICO: è stato bello avere con noi la poesia di due grandi autori del panorama italiano – gli scrittori triestini Sandro Pecchiari e Fulvio Segato hanno reso vivo un angolo del nostro tempo trascorso ad ascoltarli.
E grazie a Mila Mecchia per averci accompagnato con la sua pittura, che resterà allestita nella nostra sala fino al prossimo incontro poetico!

Dal prossimo appuntamento Taglio Poetico si trasferirà al primo giovedì di ogni mese, per lasciare alla domenica sera lo spazio per le molte manifestazioni che avranno luogo a Cormons quest’estate.
L’appuntamento con i poeti friulani quindi è per il 2 giugno, a presto ulteriori dettagli in merito… mentre le mie news non finiscono certo qui!

Per FARE VOCI un incontro il 18 maggio a Gorizia: sarò ospite della rassegna di Giovanni Fierro per leggere i miei testi assieme alla bravissima Natalia Bondarenko… davvero un onore, che bello!

Gli incontri di haiku proseguono e il prossimo workshop sarà alla Fiera dell’Oriente di Udine sabato 19 Maggio, ore 13.00 – un’oretta per stare assieme a scoprire qualche primo dettaglio di poetica giapponese.

ventaglio2

E poi ultimo appunto, ma per nulla ultimo come importanza: grazie alla Giuria e allo Staff del Premio di Poesia Città di Gorizia, che ha attribuito alla mia lirica Bozzoli il terzo posto nella sezione poesia inedita!
Le premiazioni si terranno sabato 26 maggio alle 17.00 a Gorizia, nei prossimi giorni ulteriori dettagli.

Grazie a tutti voi che di verso in verso continuate a seguire le mie parole.

Appendice Haiku

Mi accorgo che non raccolgo da un po’ la consueta haiku compilation. Forse perché ultimamente di haiku ne scrivo davvero pochi, solo quando ne ho voglia e non più quando serve. Quindi da gennaio ad oggi, eccoci qui.

centosei pecore
e gli occhi sul soffitto –
un sole finto
[11 gennaio]

è spuma o nuvole?
mi sento a testa in giù
guardando il mare
[17 gennaio]

appena sveglia
dolcezza inaspettata –
pompelmo rosa
[24 gennaio]

camelie bianche –
fioriranno di nuovo
nel mio giardino
[9 febbraio]

fiori di plastica –
i profumi non cambiano
in cimitero
[13 febbraio]

voltando pagina –
se il gatto fa le fusa
non sento il vento
[26 febbraio]

coda in vivaio –
oggi ci fa gli auguri
un ad di Facebook
[8 marzo]

pioggia battente –
la gatta alla finestra
socchiude gli occhi
[11 marzo]

nuvole gialle –
sul pruno un frullio d’ali
di cinciarelle
[12 marzo]

nel focolare
spento l’ultimo legno –
fiori di mandorlo
[15 marzo]

giorni di pioggia –
stamattina inattese
le margherite
[18 marzo]

nel mio giardino
anche il melo fiorisce
per abitudine
[4 aprile]

tutto d’un tratto
ha cambiato colore
anche il ciliegio
[10 aprile]

petali bianchi –
quasi non mi accorgevo
del temporale
[13 aprile]

Alcuni di questi li definirei più senryu che haiku, altri sono prove di ichibutsujitate.
Un percorso che comunque continua sempre.

E a tal proposito due appunti da segnare in agenda per i quali spenderò qualche parola più avanti: domenica 27 maggio dalle 17 alle 18.30 in Enoteca a Cormons per una super sorpresa haiku… more details are yet to come!

E durante il Far East Film Festival di Udine ecco finalmente le mie date:

Taglio Poetico, secondo capitolo.

previewDomenica 8 aprile, ore 20.30, il secondo incontro di poesia in Enoteca a Cormons – questa volta con le voci di Cristina Micelli e Roberto Marino Masini, e con i quilts di Jill Butterfield a colorare il bianco.

In questi giorni stiamo scoprendo e riscoprendo attimi di lettura e scrittura nel nostro angolo di Collio: ringrazio ancora gli ospiti del primo Taglio Poetico (Francesco Tomada, Massimiliano Bottazzo, Mariuccia De Rivo) e le Poesie a Manovella che hanno fatto della primavera un momento di poesia.

Sarà bello avervi con noi anche questa volta, non mancate!

 

雨残

Rientrando,
pioggia rimanente.
In basso a sinistra,
sotto il finestrino
a macchina ferma
una rana sbatte la schiena
su un cerchio d’asfalto –
quasi i pesci a bassa marea.

È un po’ come quando io
(o io e le mie birre)
devo dire qualcosa –
poi come sempre
non so dirti proprio niente.

[GRS]

How far is too far?

Un righello
e un indelebile Stabilo,
sulla mappa
piegata ripiegata stropicciata
tratteggio le rotaie dei saluti.

Il mio punto cardinale
è questo stare che si allontana –
prima che finisca il colore
o lo spazio geografico,
quanto lontano è
troppo lontano?

[GRS]

Il dilemma della zebra.

Il mio armadio non ha ante,
le ho staccate
per vedere le mille e una sera
che non vestirò mai.
Guardo che belli
l’abito bianco a ghirigori neri
la camicia nera e i ghirigori bianchi
e penso

che ho il dilemma della zebra –
esser tela
o farmi china?

[GRS]