Re Carnevale

Re Carnevale
in ore invisibili,
sovrano di secchi fantasmi
accartocciati al vento –
fra lo schiudersi di stelle
appese al tremore del giorno
mani ossute
filano un fuso di ricordi
quale ancora di tempo disperso.
Rimbalza il silenzio
che cinereo
si avvinghia alle strade,
in questo paese deserto
che s’adorna di fuliggine e soffioni
deposti alle soglie d’Isonzo.

Ed io regina
di allori inariditi
inchiodati alla terra –
sigillate nella memoria
ho colto, immutate,
rose nere
nel tuo lontano giardino…
maschere dondolano sorrisi,
mentre vestita di seta
muovo ombre contro la Luna.

 

[GRS]

5 thoughts on “Re Carnevale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...