E giudicano

Pesano gambe
le mura di questa dimora,
e giudicano –
stanze pastello
crepate
dai souvenir storti degli anni.

Non hanno voce
le giornate
come topi inerti sul pavimento
che ancora rigurgita candeggina –
e i balconi ammucchiati
accatastati di monologhi,
gabbie di vetri spenti
a otturare il sole.
E ingoiano parole,
flettono pensieri
nel rumore di una serratura che stride
chiusa all’altrove –
un brivido di solitudine.

Sarai casa –
atollo rigonfio
lievitato d’inverni
saturo
di cinico nulla.

 

[GRS]

3 pensieri riguardo “E giudicano

  1. Bellissima, trascinato nel dolore fino a quel brivido per immagini e suoni. E poi la tentazione irresistibile di finire a “lievitato di inverni” (come fosse già primavera e nido).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...