Insonnia

Ho passeggeri consueti nella testa,
chittering chattering
di passaggi consumati –
i passi di un cieco
sulla soglia di casa,
la posta che si eleva
ogni volta
un tanto oltre la veglia.

Forse
parlo al coniglio nel calice
quando imploro la natura delle nuvole,
ma non c’è sonno a ripristinare l’azzurro
e anche stanotte
non sono nulla /
/ solo
lo spazio
fra il sorgere di una stella
e il suo
puntuale
decapitarsi al giorno.

[GRS]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: